Perini Navi, Regione propone intesa sulle condizioni del rilancio

La proposta al tavolo di crisi che si è riunito a Firenze

Resta aperto il confronto tra Regione, Comune di Viareggio, Perini navi e le organizzazioni sindacali.

L’unità di crisi lavoro della Regione Toscana si è riunita questa mattina (28 dicembre) per fare il punto della situazione sul confronto tra azienda e sindacati, in vista anche della presentazione del piano di
ristrutturazione del debito al tribunale di Lucca entro il 15 gennaio 2021.

A conclusione del tavolo la proposta avanzata dalla Regione stessa di sottoscrivere un accordo tra istituzioni, proprietà aziendale – famiglia Tabacchi – e fondo di investimenti Blue Skye coinvolto nel progetto di rilancio e richiesto al tavolo dalla Regione anche per fugare ogni timore di operazioni speculative su Perini navi (e il suo marchio).

Secondo quanto indicato dal delegato per il lavoro, Valerio Fabiani, l’accordo non potrà prescindere dal rispetto di alcune condizioni fondamentali: mantenimento dell’attuale livello e delle tutele occupazionali in accordo con il sindacato e conservazione dell’unitarietà aziendale, supportate da un piano industriale condiviso.

Al tavolo per la Regione anche l’assessore alle infrastrutture Stefano Baccelli, con il quale è stato definito che il raggiungimento dell’intesa sarà oggetto di valutazione da parte dell’Autorità portuale quando si dovrà decidere il subentro nelle concessioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.