Presidio alla stazione dei familiari delle vittime della strage di Viareggio aspettando la sentenza di Cassazione

Riccardo Antonini: "Pronti alla mobilitazione se Moretti sarà assolto"

A 4 giorni dalla sentenza della cassazione prevista per il prossimo 8 gennaio, ieri sera (4 gennaio), i familiari delle vittime della strage di Viareggio sino sono ritrovati alla stazione, per un presidio sul binario 4, lo stesso sul quale il 29 giugno del 2009 deragliò il treno merci carico di gpl, che incendiatosi provocò distruzione e morte.

Il Mondo che Vorrei, con il suo presidente Marco Piagentini, ha distribuito un volantino per chiedere verità, giustizia e sicurezza. I familiari attendono di sapere cosa decideranno gli ermellini, con il timore, come ha spiegato Daniela Rombi che nella strage ha perso la giovane figlia Emanuela Menichetti, che Mauro Moretti venga assolto.

“Siamo pronti a qualsiasi tipo di mobilitazione  – ha annunciato il ferroviere licenziato Riccardo Antonini – se Moretti venisse assolto“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.