Il senso della felicità, prosegue il progetto partito a Forte dei Marmi

Molti i giovani dalla provincia di Lucca selezionati per l'esperimento

Il senso della felicità: prosegue il progetto partito questa estate che ha fatto tappa anche a Forte dei Marmi

Decine i giovani toscani, molti dalla provincia di Lucca, quelli che sono stati selezionati la scorsa estate a Forte dei Marmi per essere sottoposti a una metodologia che, secondo gli ideatori dell’esperimento, sarebbe in grado di assicurare una felicità scientifica.

Alcuni di loro faranno dunque parte di un progetto senza precedenti a livello internazionale, il Senso della Felicità, ideato proprio da un gruppo di scienziati e imprenditori toscani che, per non influenzare lo svolgimento, per il momento preferisce rimanere nell’anonimato. Il progetto sarà lanciato lunedì 18 gennaio e la scelta della data d’inizio è tutt’altro che casuale: il terzo lunedì del mese di gennaio, ormai noto come Blue Monday, è considerato il giorno più triste dell’anno nella società occidentale. A renderlo tale è un insieme di fattori tra cui il freddo, i sensi di colpa per gli eccessi natalizi, il fallimento dei primi buoni propositi e le prossime vacanze ancora troppo lontane. E, se così è ogni anno, quest’anno rischia di essere ancora più Blue a causa dell’emergenza Covid non ancora superata. Quindi non rimane che sperare che la sperimentazione di questo “vaccino contro la tristezza” dia esiti positivi.

Per assicurare alla ricerca un sufficiente numero di soggetti, nei mesi estivi sono stati selezionati centinaia di volontari attraverso The Happiness Experiment, un tour di casting fisici (finché è stato possibile) e online. Le selezioni hanno fatto tappa in alcune delle località di mare più rinomate dello stivale, tra le quali Forte dei Marmi. La Versilia è stata una delle tappe più partecipate, ed è anche qui che sono stati selezionati alcuni soggetti che saranno sottoposti a una metodologia che, secondo gli ideatori dell’esperimento, sarebbe in grado di assicurare una felicità scientifica.

La teoria su cui è basato questo modello è frutto di oltre 30 anni di studi e ribalta completamente gli esiti degli studi fin qui condotti. Fino a oggi la maggior parte delle ricerche in quest’ambito si è limitata a osservare che alcune variabili generiche come la generosità, l’essere estroversi, un lavoro soddisfacente, la presenza di legami affettivi e di relazioni siano correlati a un certo grado di benessere psicologico. Troppo spesso i risultati dei vari studi in questo ambito portano a conclusioni tutt’altro che sorprendenti, più vicine a confermare frasi fatte come chi si accontenta gode o i soldi non fanno la felicità, che a fornire una efficace metodologia operativa.

Per chi lo vuole sperimentare, il metodo è già online. In attesa dei risultati dei test, la metodologia è stata comunque divulgata attraverso il sito SensodellaFelicita.it, qui i curiosi potranno approfondire questa rivoluzionaria ricetta per il benessere ed eventualmente decidere di applicarla nella propria vita. Superati i 20mila utenti attivi sul sito, a dimostrazione del grande interesse suscitato da questa metodologia. Appena entrati sul sito, i visitatori vengono messi di fronte a uno scioccante video dal titolo “La verità sulla felicità” che demolisce dalle fondamenta la maggior parte dei luoghi comuni e degli insegnamenti sul tema. Ce n’è veramente per tutti: dall’educazione dei genitori e della scuola ai guru da salotto, dalla religione alle cattive compagnie, dalle aziende che dichiarano di interessarsi al benessere dei propri dipendenti alla pubblicità che manipola i desideri per generare comportamenti d’acquisto.

Fatta tabula rasa degli insegnamenti precedenti, il sito presenta il suo modello sperimentale per essere felici attraverso un secondo e coinvolgente video intitolato Sei passi per la felicità. Secondo gli ideatori dello studio, sono questi gli step – approfonditi poi a uno a uno – che costituiscono le fonti da alimentare quotidianamente per raggiungere la felicità in modo efficace e garantire il suo mantenimento.

Non resta che attendere i risultati dello studio scientifico o, per i più temerari, iniziare a sperimentare da sé il Senso della Felicità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.