Covid, Del Ghingaro: “Vaccino a tutti, ricchi e poveri”

Il sindaco di Viareggio risponde l'assessore alla sanità lombarda: "Noi non diamo priorità a chi ha un reddito più alto, o a chi fattura di più, o a chi ha più proprietà"

“Tutti uguali davanti al vaccino” Lo afferma il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro dopo che, ieri sera (18 gennaio), nella riunione dell’unità di crisi regionale è stata discussa la programmazione della vaccinazione in tutte le zone della Toscana.

Presidente e assessore alla salute regionale, responsabili Anci, presidenti delle conferenze dei sindaci, direttori delle asl, hanno condiviso un percorso in attesa della conferma delle varie consegne dei vaccini e sono state definite le varie fasi, i luoghi, i metodi, i tempi.

“A nessuno di noi – precisa il primo cittadino –  è venuto in mente di dare priorità a chi ha un reddito più alto, o a chi fattura di più, o a chi ha più proprietà, come invece va proponendo il neo assessore alla sanità lombarda Letizia Moratti”.

“No – conclude Del Ghingaro – in Toscana il vaccino lo vogliamo fare a tutti, ricchi e poveri, belli e brutti. Speriamo che le dosi che servono arrivino quanto prima, così mentre in Lombardia parlano di Pil e dividono in classi i cittadini, noi pensiamo alla salute di tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.