Recovery Fund, Unione Inquilini: “Alla nostra bozza di mozione hanno risposto solo in tre”

La richiesta è anche che nel consiglio comunale si discuta del tema casa e sociale

E’ stata inviata lo scorso 21 gennaio, da Unione Inquilini, ai consiglieri comunali di Viareggio, Camaiore, Massarosa e Pietrasanta la bozza della mozione d’indirizzo politico riguardante la spartizione dei fondi del Recovery Fund,  per essere discussa in assise.

“La partita della  spartizione dei fondi, che stiamo assistendo ai massimi vertici, si decide anche attraverso le pressioni territoriali – spiega il sindacato degli inquilini -. Le mozioni d’indirizzo permettono di attribuire ufficialità e peso politico alle richieste che gli amministratori locali faranno ai gruppi parlamentari”.

“Ad oggi – aggiunge Unione Inquilini  ci sono pervenute risposte solamente dai consiglieri Andrea Favilla, di Camaiore, il quale ha presentato la mozione che verrà discussa il 21 febbraio, Tiziano Nicoletti di Viareggio, che si è reso disponibile a presentare la mozione, e Barbara Paci, di Viareggio, che si è riservata di studiare il nostro documento e le nostre richieste e di ricontattarci all’evenienza”.

“Chiediamo inoltre – concludono – che nel consiglio comunale si discuta del tema casa e sociale, affrontando proposte, realtà e discussioni, con visioni non solo emergenziali ma con un approccio di progresso nel campo dei diritti e della rigenerazione urbana, ripensando al tema dell’abitare come un investimento sulle persone e sulla propria comunità e non solo come una forma di profitto legata alla speculazione edilizia”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.