Quantcast

Buonsenso: “Accanto al sindaco per sostenere Viareggio capitale della cultura”

La lista civica: "La città ha tutte le prerogative per ottenere il riconoscimento"

“L’annuncio da parte del sindaco Giorgio Del Ghingaro dell’avvenuta adozione di una delibera di giunta per l’avvio della procedura per candidare il Comune di Viareggio a capitale della cultura per l’anno 2024, già resa nota alla Regione Toscana e al ministero dei beni culturali, ha pienamente il nostro plauso e il convinto impegno a sostenere l’iniziativa annunciata“. Lo annuncia la lista civica Buonsenso, che alle scorse elezioni amministrative aveva appoggiato la candidatura di Del Ghingaro.

“Viareggio – spiega il movimento politico –  e il suo territorio ha tutte le prerogative per ottenere il riconoscimento di questa candidatura in virtù della sua vocazione culturale (con il premio internazionale Viareggio), della tradizione artistica (Galileo Chini, Lorenzo Viani, musei e gallerie d’arte) e di quella creativa (Fondazione del Carnevale), nonché per l’architettura Liberty, della cantieristica navale e del turismo balneare”.

“Il 2024 – prosegue la lista Buonsenso -, anno nel quale cadrà il centenario della scomparsa di Giacomo Puccini, consentirebbe, inoltre, di esaltare la grande vocazione musicale che, nel suo nome, anima ancora Viareggio e Torre del Lago dove si svolge il festival che porta il nome del grande compositore”.

“Per l’insieme di queste ragioni noi siamo e  saremo a fianco del sindaco – concludono – del comitato scientifico e di quello organizzativo che l’amministrazione andrà a costituire a sostegno di una iniziativa destinata a portare rilevanti benefici sull’intero tessuto economico e sociale di Viareggio e del suo territorio per lo sviluppo delle attività culturali, turistiche e commerciali la cui ripresa, dopo i devastanti effetti del Covid, richiederà sforzi durevoli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.