Quantcast

Perini Navi, Barbara Paci: “Il Comune si attivi in tempi celeri con degli strumenti concreti di aiuto”

La capogruppo del gruppo misto è intervenuta nella seduta odierna della commissione attività produttive

Perini Navi, sulla vicenda,oggi (4 febbraio) Barbara Paci, capogruppo del gruppo misto, è intervenuta nella seduta odierna della commissione attività produttive, sottolineando l’importanza della tutela del marchio, la necessità che l’amministrazione comunale attivi quanto prima degli strumenti concreti di aiuto e sostegno per le aziende dell’indotto, l’auspicio che l’azienda venga acquisita da chi ha competenze ed esperienza nel comparto della nautica e che sia in grado di tutelarne il marchio ed il valore storico, l’esigenza che gli operai della Perini Navi riescano a mantenere il contratto nazionale di metalmeccanici al fine di garantirgli maggiori tutele e protezioni.

“Una tematica importante affrontata nella commissione attività produttive quella sulla Perini Navi – spiega la consigliera dell’opposizione –  Ho voluto ribadire che il marchio Perini, conosciuto in tutto il mondo nel campo della nautica e simbolo della città di Viareggio deve essere preservato e con esso l’alta professionalità dei suoi dipendenti. Bisogna però capire i problemi che sono ai margini di una crisi sfociata nel fallimento di questa importante azienda. Le responsabilità, come è stato più volte e da più soggetti sottolineato nella commissione e poi anche dal tribunale, vanno ricercate nell’amministrazione che l’azienda ha avuto negli ultimi anni, che ne ha decretato il fallimento al tribunale di Lucca“.

“In tal senso – ha aggiunto –  ho auspicato che nel momento dell’acquisto dell’azienda si guardi non solo alla ditta come un contenitore, ma ad un vero e proprio marchio che rappresenta la nautica di Viareggio in Italia e nel mondo. Un altro aspetto da preservare sono i contratti dei lavoratori come metalmeccanici e non come falegnami. Questo sarebbe un segnale di tutela dei lavoratori investiti oltre che dalla crisi scaturita dall’emergenza sanitaria Covid, anche dal fallimento dell’azienda. Capacità e qualità nelle mani dei lavoratori di questo importante marchio, una tradizione invidiata in tutto in mondo per chiunque operi nella nautica. Una risorsa preziosa per chi voglia fare delle grandi navi con grande esperienza e professionalità”.

“L’ amministrazione comunale, in tal senso, – conclude Paci – si attivi in tempi celeri con degli strumenti concreti di aiuto e sostegno per le aziende dell’indotto poiché ad oggi a quanto dice il sindaco siamo perfettamente in ordine con i conti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.