Quantcast

Legge antifascista, a Maurizio Verona il premio Bella Ciao 2021

L’associazione di Saluzzo ha assegnato al sindaco di Stazzema Maurizio Verona il premio per aver promosso l’iniziativa di legge popolare

A Maurizio Verona il premio Bella Ciao 2021.

L’associazione Bella Ciao di Saluzzo ha assegnato al sindaco di Stazzema Maurizio Verona il premio  per aver promosso l’iniziativa di legge popolare antifascista.

L’associazione ha sede a Saluzzo, in provincia di Cuneo, terra di resistenza e di antifascismo.

La proposta di legge contro la propaganda nazista e fascista Norme contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti è stata lanciata dal sindaco Verona nell’ottobre 2020. Serviranno 50.000 firme per poter presentare la proposta in parlamento. Si firma presso il proprio comune di residenza, entro il 31 marzo 2021.

In tutta Italia si sono mobilitate migliaia di persone per organizzare raccolte di firme nelle strade, nelle piazze, con i banchetti e decine di migliaia di persone hanno già firmato. Fortissimo il tam tam sui social: il gruppo Facebook Legge Antifascista Stazzema conta oltre 137mila membri. Tante le adesioni anche di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo: dalla Senatrice a vita Liliana Segre a Roberto Benigni, da Fabio Fazio ad Andrea Scanzi.

Il sindaco, nei giorni scorsi, ha anticipato che il traguardo delle 50mila firme è stato superato: l’obiettivo, adesso, è di raccoglierne molte di più per lanciare un forte messaggio antifascista.

E’ proprio l’aspetto della grande mobilitazione che ha spinto l’associazione Bella Ciao a riconoscere al sindaco di Stazzema, quale presidente del comitato promotore della legge antifascista, il premio Bella Ciao 2021.

“L’iniziativa” – si legge nella motivazione del premio- ha avuto il merito di mobilitare moltissime persone che si sono recate a firmare la proposta di legge, testimoniando poi sui social il proprio gesto di resistenza. Fra queste persone, molti i giovani”. La proposta di legge che prevede sanzioni a carico di coloro che attuano propaganda fascista e nazista con ogni mezzo, in particolare tramite social network e con la vendita di gadget “assume un valore politico, etico e culturale di altissimo profilo, e riafferma la necessità di presidiare la democrazia con fermezza e fedeltà alla Costituzione nata dalla Resistenza”.

Le edizioni precedenti del Premio Bella Ciao sono state vinte, tra gli altri, da Ezio Mauro, Maurizio Landini, Giovanni De Luna, Giulio Regeni (alla memoria), Giorgio Diritti, Aldo Cazzullo, Francesco Guccini, Yo Yo Mundi, Giuliano Montaldo e ad Assemblea Teatro.

“Ringrazio l’associazione Bella Ciao per questo premio”- commenta il sindaco Verona- che viene assegnato a me ma non è soltanto mio: è di tutte le persone che in queste settimane, in tutta Italia, si sono mobilitati per raccogliere le firme. Abbiamo visto una grandissima mobilitazione, in tutti i comuni d’Italia, con tantissimi giovani che si sono adoperati con banchetti, stampando manifesti, coinvolgendo amici e conoscenti. Una partecipazione numerosa che ha un grande significato: in Italia l’antifascismo è vivo e lo ha dimostrato. La Legge di iniziativa popolare ha fatto capire che si è colmato un vuoto, non solo normativo ma piuttosto di coinvolgimento, di partecipazione, di rappresentanza politica. Sono sicuro che dovrà aprirsi un dibattito a livello nazionale perché tutti coloro che si sentono antifascisti devono sentire vicinanza dalla politica e dalle istituzioni”.

Il conferimento del premio Bella Ciao 2021 sarà trasmesso mercoledì 17 marzo alle 2 sulla pagina Facebook del cinema teatro Magda Oliviero di Saluzzo.

Saranno presenti il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, il sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni, il presidente dell’Associazione Bella Ciao Roberto Pignatta e  Fiammetta Rosso del Direttivo dell’Associazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.