Quantcast

Massarosa, al via un tavolo istituzionale sul problema dell’acqua torbida

Il difensore civico della Regione Toscana: "Problema che deve trovare una soluzione con investimenti per nuove tubature"

Si è svolto in municipio a Massarosa un incontro ufficiale tra il sindaco Alberto Coluccini, l’assessora Michela Morgantini, la consigliera regionale Elisa Montemagni e il difensore civico della Regione Toscana Sandro Vannini per approfondire il tema dell’acqua torbida che da tempo caratterizza diverse zone dell’acquedotto di Massarosa.

L’ufficio civico regionale ha già affrontato la problematica in questi anni. Durante l’incontro è stato deciso di richiamare l’attenzione dell’Autorità idrica toscana, Gaia e la Regione Toscana per costituire un tavolo istituzionale di approfondimento finalizzato ad interventi infrastrutturali che possano risolvere la questione.

“Un altro passaggio importante – commenta il sindaco Alberto Coluccini – per quella che rappresenta per me una priorità di mandato, un impegno preso con i  miei cittadini a cui stiamo dando risposte sia attraverso il piano di lavori con Gaia che cercando a tutti i livelli soluzioni e strumenti per scrivere la parola fine ad anni di disagi e problematiche”.

“Il problema dell’acqua torbida ferrosa – afferma il difensore Vannini – che affligge la popolazione del Comune di Massarosa, dovrà trovare una soluzione con investimenti per nuove tubature utilizzando eventualmente le risorse del Recovery Fund. I cittadini hanno diritto a questo bene essenziale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.