Quantcast

Cava Fornace, Fantozzi (Fdi): “Servono risposte precise sul conferimento delle terre di scavo”

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia: "Le terre vengono opportunamente trattate oppure vengono conferite direttamente in discarica?"

“A Cava Fornace vengono conferite anche le terre di scavo dell’alta velocità. Sappiamo che per effettuare le trivellazioni in profondità vengono utilizzati dei solventi, e allora ci chiediamo: le terre vengono opportunamente trattate oppure vengono conferite direttamente in discarica?”. E’ questo il nuovo interrogativo che si pone il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi, dopo la risposta fornita dalla Regione Toscana alla sua interrogazione.

Interrogativi che rimangono aperti anche per Marina Staccioli e Gianni Martinucci, coordinatori regionali dei dipartimenti di Fdi, Alessandra Mazzei, coordinatrice regionale del dipartimento ambiente Fdi, Manuela Aiazzi e Andrea Aliboni del coordinamento comunale Fdi Montignoso.

“La Regione fa sapere che fino ad oggi il percolato della discarica non è stato smaltito attraverso il sistema fognario che porta al depuratore del Lavello, ma viene raccolto nelle vasche per poi essere caricato su camion cisterna che lo trasferiscono a impianti di depurazione a Prato e Pontedera – prosegue Fantozzi  -. Ma tra gli obiettivi strategici, stabiliti dal consiglio di amministrazione di programma ambiente Apuane spa che gestisce la discarica, è prevista la possibilità di conferire in fognatura i reflui prodotti dal dilavamento delle acque meteoriche. E, quindi, abbiamo bisogno di avere risposte certe: il sistema fognario sarebbe in grado di reggere l’impatto con il percolato? E il depuratore del Lavello avrebbe la capacità di smaltire, in modo sicuro, i reflui di rifiuti speciali quali amianto e marmettola? Nella risposta fornitaci dall’assessorato all’Ambiente regionale si sottolinea come il depuratore del Lavello abbia avuto dei problemi in passato, problemi poi risolti. A maggior ragione, abbiamo bisogno di avere risposte precise sulla capacità di smaltimento del depuratore. Il sito di stoccaggio di rifiuti da tempo suscita molte preoccupazioni tra i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.