Quantcast

Pam, presidio a Viareggio: “Dimenticati i 14 lavoratori trasferiti”

I sindacati si mobilitano: "Incredibile che ora il supermercato riapra e non li reintegri"

“Prima chiudono i battenti e trasferiscono 14 lavoratori. Per loro, dicono dalla Pam di Viareggio, non c’è futuro nella cittadina della Versilia, perché non sanno se riaprono. Eppure riaprono, ma non riassorbono i lavoratori trasferiti. Il motivo di una scelta del genere?”. È la domanda che si pongono Sabina Bigazzi Filcams, Giovanni Bernicchi Fisascat e Roberto Pacini Uiltucs Toscana, che porta sotto i riflettori la situazione.

“In particolare adesso che anche il Comune di Viareggio sembra aver cambiato opinione – affermano -: al tempo della ristrutturazione che portò alla chiusura e della riqualificazione dell’area urbanistica di viale Risorgimento, infatti, l’amministrazione comunale manifestò l’interesse a che si raggiungesse un accordo per l’occupazione, minacciando di non firmare la delibera. Il post elezioni ha portato, invece, al completo disinteresse dell’amministrazione che non ha mai risposto alle nostre richieste di incontro”.

“Queste scelte a doppia velocità si riscontrano nell’amministrazione ma anche nella Pam – spiegano i tre sindacalisti – Com’è possibile che l’azienda vada sui giornali presumibilmente cercando di riacquistare credibilità, dimenticando i lavoratori trasferiti? Non si può pensare agli altri a giorni alterni e solo se fa comodo”.

“Come organizzazioni sindacali della provincia di Lucca – concludono Bigazzi, Bernicchi e Pacini – stigmatizziamo l’atteggiamento dell’amministrazione comunale, che al tavolo a cui prendemmo parte sembrava desse garanzie, per poi non darne. Ci auguriamo che sia dalla parte dei cittadini, dei lavoratori, non solo delle aziende. A maggior ragione di aziende come questa che hanno prima annunciato l’inevitabile trasferimento per chiusura e poi riaprono disinteressandosi dei lavoratori, assumendone altri ma con contratti che ci risultano essere a tempo determinato”.

Per tutti questi motivi le organizzazioni sindacali per giovedì (17 giugno), a seguito dello stato di agitazione dei dipendenti Pam della Provincia di Lucca causa della mancata ricollocazione degli ex lavoratori del pv di Viareggio trasferiti nei negozi di Altopascio, Pisa e Livorno, dalle 9,30 fino alle 11,30 circa si terrà nei pressi del parcheggio comunale antistante al negozio Pam di Viareggio, un breve presidio con la distribuzione di volantini allo scopo di rendere noti i motivi della protesta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.