Quantcast

Massarosa, Coluccini: “Non abbiamo tagliato nessun servizio”

Il candidato sindaco: "Se confermato proseguirò l'attività di sostegno e assistenza che abbiamo avviato"

“Se verrò confermato sindaco, proseguirà l’importante politica di sostegno e di assistenza avviata dalla mia amministrazione”. Alberto Coluccini prende la parola su un tema a lui molto caro e sul quale è stato accusato più volte di aver fatto poco o nulla: lui decide di rispondere con i numeri.

A causa della pandemia e della crisi economica da essa derivata, le richieste per il sociale sono aumentate in modo esponenziale. “Nessun servizio è stato tagliato, anzi, abbiamo dovuto trovare soluzioni alternative e risorse economiche straordinarie per rispondere alle maggiori richieste di aiuto e di sussidio arrivate agli uffici del sociale. In un’epoca di così tragica difficoltà, era nostro dovere stare ancor di più al fianco dei cittadini”.

“Tra 2019 e 2020 – prosegue la nota -, l’attività assistenziale è cresciuta in primis nel numero di persone a cui il comune ha fornito un sostegno: minori (+365), adulti (+1052), anziani (+33) e disabili (+40). In totale, le persone che hanno chiesto aiuto e assistite sono più che triplicate, passando da 662 a 2152. Grande attenzione anche ai contributi affitto, incrementati da meno di 30mila euro delle precedenti amministrazioni ad oltre 50mila nel 2020, per poi arrivare a circa 150mila nel 2021”.

Abbiamo incrementato le risorse a bilancio per aiutare molte famiglie nel pagamento delle utenze domestiche, oltre ai fondi per l’assistenza educativa ai disabili, cruciale anche per i progetti in DaD, aumentati da 220mila euro a 300mila euro – racconta il sindaco -. Grosso sforzo anche per il contributo di riduzione della Tari in base al reddito, con 80mila euro stanziati per il 2020. Inoltre, abbiamo erogato il bonus bebè, ovvero un paniere di prodotti scontati per tutte le nuove e nuovi nati nel nostro comune, e buoni e pacchi spesa per far fronte all’emergenza alimentare”.

Sotto l’amministrazione Coluccini, è stato aperto il primo punto informazioni antiviolenza contro le donne nella storia di Massarosa, in collaborazione con la Casa delle Donne di Viareggio, oltre alla Casa del Dopo di Noi.

Sul fronte dell’emergenza abitativa, sono state assegnate tre case popolari e a breve saranno disponibili ulteriori quattro immobili, in corso di ristrutturazione. È inoltre in corso il nuovo bando di assegnazione delle case popolari e, per essere più celeri nelle risposte, è stata richiesta l’assunzione di nuovi assistenti sociali attraverso finanziamenti statali.

“Nonostante la grave situazione emergenziale, l’amministrazione Coluccini è riuscita ad essere al fianco dei suoi cittadini, aiutandoli nelle loro difficoltà, senza lasciare indietro nessuno. Il nostro principale obiettivo rimane quello di continuare a prestare attenzione al sociale, proseguendo la politica d’impegno, di attenzione, di ascolto e di supporto messa in atto nei primi due anni – conclude il Sindaco -, ma soprattutto arrivare a garantire le condizioni socio-economiche affinché le persone possano tornare ad essere autosufficienti, senza bisogno di sussidi comunali. Questo passa tramite lo sviluppo economico del nostro territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.