Quantcast

Arrestato a Forte dei Marmi il “torturatore” di Pinochet: era in vacanza in Versilia

Reinhard Falkenberg è uno dei dieci cileni ritenuti più pericolosi ricercati dall'Iterpol

Era in vacanza a Forte Reinhard Falkenberg, uno dei dieci cileni considerati più pericolosi e ricercati dall’Iterpol: è stato arrestato dagli uomini del commissariato di polizia di Forte dei Marmi.

Il 76enne, ritenuto un ex nazista prima e torturatore del regime di Pinochet dopo, era scappato dal Cile nel 2005.

A tradirlo è stato il viaggio in Italia insieme a un gruppo di pensionati. Arrivato a Forte dei Marmi, il 76enne si è registrato in un albergo con la propria carta di identità e a quel punto è scattato l’allarme.

La vicenda, ora, passa alla corte d’Appello di Firenze che dovrà decidere sull’estradizione richiesta dal Cile. Il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, ha chiesto ai giudici di Firenze di non scarcerarlo.

Un plauso al commissariato  è arrivato dal sindaco di Forte dei Marmi, Bruno Murzi: “L’uomo – sottolinea il sindaco Murzi – pare avesse viaggiato già molte volte in Europa, sfuggendo dunque ai controlli. A Forte dei Marmi, grazie all’efficienza e agli accertamenti scrupolosi del nostro commissariato, la sua presenza non è passata inosservata ed è scattata subito l’operazione che ha permesso di consegnare finalmente alla giustizia uno degli uomini cileni più pericolosi ricercati dall’Interpol, latitante dal 2005 e finora indisturbato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.