Quantcast

Auto di Salvini danneggiata e nuovo processo, Potere al Popolo: “Finirà con una nuova assoluzione”

Il partito: "Per il fantomatico danneggiamento non è stata neppure presentata querela"

“Alla fine saranno tutti assolti”

E’ Potere al Popolo a intervenire sulla notizia della corte di cassazione che per il danneggiamento all’auto di Matteo Salvini, avvenuto a Viareggio durante una manifestazione di protesta, su ricorso della procura di Lucca, ha rinviato alla corte d’appello di Firenze un indagato per il quale il tribunale lucchese aveva deciso il non luogo a procedere.

Danneggiò l’auto di Matteo Salvini, nuovo processo per un 38enne

“Apprendiamo – scrivono in una nota che la corte di cassazione ha dato ragione alla ‘rocura di Lucca sulla questione preliminare della doppia azione giudiziaria concernente le contestazioni a Salvini del maggio 2015 a Viareggio.  ll primo processo, durato ben cinque anni con uomini e donne della polizia impegnati dapprima in meticolose indagini e poi come testimoni nel corso delle udienze, si era, infatti, concluso con la procura stessa che chiedeva l’assoluzione di tutti gli imputati. Alla sentenza di assoluzione la procura ha poi incaricati i carabinieri di indagare ancora. Hanno poi notificato un avviso di conclusione indagini a 27 persone, salvo poi, accorgersi che si stava procedendo ad un secondo processo per gli stessi fatti e ne hanno rinviate a giudizio soltanto due”.

La questione del doppio processo, per uno dei due imputati, torna quindi davanti alla corte di appello.

“Siamo abbastanza divertiti dal fatto che si profondano cotante energie e risorse – pubbliche sic! – per tenere in piedi un (altro) procedimento che non potrà che concludersi con un’(altra) assoluzione, visto che per il fantomatico danneggiamento non è stata neppure presentata querela”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.