Quantcast

Croce Rossa di Viareggio e Ripa, Lunardini nel consiglio direttivo

L'ex sindaco: "Un profondo affetto mi lega a questa associazione"

Nella giornata di domenica scorsa si sono svolte alla Croce Rossa di Viareggio e Ripa le elezioni suppletive per il Consiglio sirettivo della associazione.

Le elezioni hanno visto eletto il socio volontario Luca Lunardini.

Lunardini non è nuovo in questo ruolo di dirigenza della Croce Rossa avendone ricoperto già il ruolo nella legislatura 2016-2020 alle fine della quale ricopri anche l’incarico di Presidente.

“Ringrazio dichiara il neo-eletto – con il cuore i volontari della Croce Rossa, per avermi voluto nel Consiglio direttivo dell’Ente. Dopo i 4 anni precedenti, forti impegni professionali ospedalieri e nell’ordine dei medici mi avevano impedito di proseguirne l’attività, anche se mai avevo cessato il mio impegno di volontariato quale Medico e semplice ma entusiasta Socio. Poi il profondo affetto che mi lega alla nostra bella tradizione e il difficile momento pandemico mi hanno spinto a tornare a impegnarmi in prima persona nel consiglio Direttivo guidato dall’amico Molco. A tutt’oggi molti non sono a conoscenza come la Croce Rossa, con la riforma di pochi anni fa, abbia cessato di essere un ente pubblico, sia pure sui generis, e sia divenuta al pari delle altre Associazioni con i medesimi scopi assistenziali, un ente di diritto privato. Questo non cambia certamente la sua grande tradizione di intervento nelle grandi calamità, la sua vocazione internazionale, la sua vocazione all’assistenza sanitaria ed umanitaria, il suo professionale contributo alla Protezione Civile e al Soccorso sanitario. Ma significa una presenza, se possibile, ancora maggiore nelle proprie comunità locali di appartenenza. Una presenza che, in Versilia come nelle altre parti d’Italia, si manifesta sia nel servizio di emergenza e pronto soccorso, con ambulanze e personale eccezionalmente addestrato,  che nella capillare assistenza umanitaria ai concittadini bisognosi. Basterebbe pensare alla distribuzione di vestiario o generi alimentari alle famigli versiliesi in difficoltà economica, che tanto necessario è risultato esse durante il periodo del lockdown”.

“Una cambiamento istituzionale – aggiunge – che ha reso la Croce rossa anche definitivamente rappresentativa venendo a cessare ogni nomina dall’alto, con ogni carica di responsabilità divenuta elettiva tramite votazioni di tutti i soci. Questo ha reso la vita della associazione, se possibile, ancora più ricca ed entusiasmante ma certo ha anche reso necessario un impegno diretto di tutti per sostenere e potenziare i servizi che offre alla cittadinanza”.

“Un grazie – dichiara il presidente Gianluca Molco, – al dottor Lunardini, per esseri nuovamente offerto per aiutare la Cri nella sua missione. La sua esperienza e capacità saranno preziose per tutti noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.