Quantcast

Il liceo scientifico Barsanti e Matteucci protagonista al Festival delle arti per lo sport integrato foto

Al cinema Nuovo Sacher di Roma gli studenti hanno avuto l'opportunità di presentare i propri lavori artistici di fronte ad un folto pubblico

Il liceo scientifico Barsanti e Matteucci protagonista al Festival delle arti per lo sport integrato. Un’iniziativa davvero importante che si è tenuta dal 21 al 23 ottobre, in diverse città d’Italia tra cui Roma, dove hanno preso parte studenti provenienti da tutto il paese e che rientra nel progetto Cambia il Tempo, promosso dallo Cseb e finanziato dal ministero del lavoro e delle politiche sociali.

In pratica è stato il frutto del lavoro pluriennale per la diffusione della cultura dello sport integrato e dell’inclusione. Nonostante le difficoltà causate dall’emergenza sanitaria, i docenti Gianmarco Apollonio e Niccolò Zambuto, hanno realizzato per gli alunni, veri e propri laboratori, consentendo loro di esprimersi attraverso opere artistiche di ogni genere.

Il grande giorno del Barsanti e Matteucci è stato sabato 23, quando al cinema Nuovo Sacher di Roma, hanno avuto l’opportunità di presentare i propri lavori artistici di fronte ad un folto pubblico. “Si tratta di opere d’arte in cartapesta e pittura – spiega Gianmarco Apollonio, docente di disegno e storia dell’arte al liceo scientifico – dove gli studenti hanno interpretato poesie e canzoni. In sostanza da un’ idea astratta sono passati a quella tangibile. Le tematiche sono svariate: smog, inquinamento, temi di introspezione e sensazioni riguardanti la pandemia”.

“L’arte ha sempre rappresentato un mezzo comunicativo ed espressivo importante – commenta Nicolò Zambuto, insegnante di sostegno -. Al giorno d’oggi è ancora il metodo per ottenere una comunicazione chiara e diretta. Le arti figurative, la musica, il teatro, la danza, lo sport e tutte quelle forme d’arte di cui l’uomo è creatore, possono essere veicoli di un percorso, un viaggio dentro sé, nel proprio mondo interiore utilizzato come espressione di pensieri e vissuti personali attraverso un linguaggio universale che, proprio perché universale, permette di abbattere differenze legate alla lingua e alle condizioni, elementi significativi che, altrimenti, accentuerebbero le differenze tra individui, riuscendo quindi a contrastare fenomeni di intolleranza e discriminazione. Se a ciò aggiungiamo il fatto che il laboratorio artistico ha rappresentato uno spazio aggregativo per gli alunni del Barsanti e Matteucci (normodotati e con bisogni educativi speciali) in un momento in cui le relazioni tra le persone erano state sensibilmente ridotte, possiamo affermare – conclude il professore – che la finalità del progetto di far immergere i ragazzi in una visione di integrazione sociale attraverso l’arte, sia stata raggiunta in pieno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.