Quantcast

“Free to be”, i docenti di Viareggio a lezione contro le discriminazioni

Oggi l'iniziativa legata alla Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere

Si è tenuto questo pomeriggio (15 novembre) alla Gamc, l’incontro di formazione rivolto ai docenti delle scuole materne e primarie del territorio dal titolo Free to be, organizzato dall’amministrazione comunale di Viareggio in collaborazione con Arci Lucca e Versilia e l’accreditamento del Miur.

Molti i docenti presenti all’appuntamento che si colloca nell’ambito delle iniziative legate alla Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere (Re.a.dy) di cui Viareggio è partner.

Tra i relatori Mariella Popolla, professoressa dell’Università degli Studi di Genova al dipartimento di scienze della formazione e coordinatrice dell’Associazione AG, about gender e Anatra Maria Grazia, presidente dell’associazione di promozione sociale Women To Be. Entrambe, anche attraverso l’utilizzo del libro Turchina la Strega di Brusa Mariasole e Marta Sevilla, hanno condotto la formazione e interagito con il corpo docente sui temi oggetto.

“Temi importanti e delicati sui quali la formazione permanente è indispensabile – commenta la vicesindaca Federica Maineri, titolare della delega alle Pari opportunità -: un incontro riuscito, condotto da professioniste veramente preparate, che ringrazio, e che ha visto tanti insegnanti partecipare. Questa amministrazione fa parte della rete Re.A.Dy: gli incontri organizzati periodicamente, sono alcuni dedicati al mondo della scuola come in questo caso, altri aperti a tutti, perché  la conoscenza è lo strumento principale che abbiamo contro ogni discriminazione e il rispetto di tutte le differenze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.