Quantcast

Scuola, alcuni sindacalisti chiedono lo sciopero: “Servono modifiche alla legge di bilancio”

La protesta: "Nessuno stanziamento di risorse per l’aumento e la stabilizzazione degli organici"

Indire uno sciopero generale per chiedere la modifica della legge di bilancio del governo Draghi. È questa la richiesta delle Rsu e Rsa di quattro scuole della Provincia di Lucca: Ic di Torre del Lago, Ic Don Milani di Viareggio, Iis Chini Michelangelo di Lido di Camaiore e Isi di Barga.

“Siamo appartenenti a sigle sindacali diverse. Come rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori valutiamo molto negativamente la legge di bilancio 2021 del governo Draghi presentata in queste settimane che, a fronte di stanziamenti miliardari e bonus a vantaggio di imprese e banche, della riduzione delle tasse ai ceti abbienti (senza alcuna lotta all’enorme evasione fiscale) e dello sblocco dei licenziamenti prevede il ritorno alla Legge Fornero, con un aumento dell’età pensionabile  insostenibile (in prospettiva fino e oltre  i 70 anni) e con livelli pensionistici molto bassi (soprattutto per chi ha redditi medio-bassi e per i precari) – scrivono i le rsu e rsa -. Inoltre la legge non stanzia reali risorse alla sanità (i due miliardi previsti all’anno sono vanificati dal taglio dell’Irap), nonostante le gravissime carenze mostrate dal sistema sanitario durante la pandemia, prosegue con il progetto divisivo dell’autonomia differenziata, che porterà alla dissoluzione della Repubblica Italiana col passaggio alle Regioni di competenze ora statali: sanità, scuola, trasporti, ambiente, contratti di lavoro e nella scuola non stanzia risorse per l’aumento e la stabilizzazione degli organici, per la sicurezza nelle aule e negli spazi scolastici e per gli stipendi dei docenti e del personale Ata. Per questo riteniamo fondamentale che i sindacati indicano in tempi rapidi uno sciopero generale contro le politiche economiche e sociali del governo Draghi, da svolgersi in tempi utili a chiedere una modifica radicale della legge di bilancio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.