Quantcast

Giornata della memoria 2022, ecco le iniziative di Viareggio

Gli incontri "Giorno della memoria: le pietre d'inciampo", la mostra "1938. Il banco vuoto. Le leggi razziali nella scuola in provincia di Lucca" e la posa di una palina commemorativa questo giovedì (27 gennaio) alle 14,30 in via Fratti

Giornata della memoria 2022, continuano le iniziative di Anpi, Isrec (Istituto storico della resistenza e dell’età contemporanea) e Comune di Viareggio.

Dopo l’inaugurazione della mostra 1938. Il banco vuoto. Le leggi razziali nella scuola in provincia di Lucca, questo giovedì (27 gennaio) alle 14,30, in via Fratti, di fronte all’edificio che ospitava la sinagoga di Viareggio e la scuola per bambini di religione ebraica (tra via Mazzini e via XX settembre) si terrà la posa di una palina commemorativa. Sarà presente Paolo Molco, rappresentante della comunità ebraica.

Sempre questo giovedì (27 gennaio) ma anche lunedì 3 e 10 febbraio alle 15, sui canali social del Comune di Viareggio si potranno seguire gli incontri Giorno della memoria: le pietre d’inciampo a cura dell’Isrec e dell’associazione Liberation route.

Si ricorda inoltre che fino a sabato 19 febbraio sarà possibile visitare la mostra 1938. Il banco vuoto. Le leggi razziali nella scuola in provincia di Lucca, aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 17 nella biblioteca Marconi, in piazza Mazzini: l’ingresso, gratuito, avverrà nel rispetto della vigente normativa anti Covid.

La mostra è stata curata, per l’Istituto storico della resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Lucca, da Silvia Quintilia Angelini (con disegni di Franco Anichini e progetto grafico di Michele Paoli) e ha avuto il patrocinio, oltre che della Regione Toscana, dell’Unione delle comunità ebraiche italiane e del Centro di documentazione ebraica contemporanea (Cdec) di Milano.

La scuola fu il primo settore a sperimentare l’antisemitismo di Stato e l’inizio dell’anno scolastico 1938-1939 fu segnato dalla espulsione dalla scuola degli insegnanti ebrei e dal rifiuto dell’iscrizione per alunni ebrei, sia che già frequentassero le scuole, sia che si affacciassero alla prima esperienza scolastica.

In provincia di Lucca, dove gli ebrei residenti erano alcune centinaia, circa una ventina tra scolari, studenti e docenti furono espulsi dalle scuole. Mentre in città come Firenze o Livorno le comunità ebraiche cercarono di reagire all’espulsione istituendo o rafforzando scuole private anche a livello superiore, per i piccoli nuclei ebraici di Lucca e Viareggio, sezioni della comunità israelitica di Pisa, questo non fu possibile data la carenza di risorse. Alcune famiglie cambiarono allora città, in modo da poter iscrivere i figli alle scuole organizzate nelle comunità più grandi, oppure scelsero la via dell’emigrazione.

A Viareggio, dove la presenza ebraica era la più significativa della provincia, fu possibile  istituire una piccola scuola elementare statale (in Toscana ciò avvenne solo a Livorno, Firenze, Pisa, oltre che a Viareggio) che, per iniziativa della comunità ebraica viareggina, sorse nei locali dell’oratorio ebraico, allora situati in un edificio di via Fratti: una scuola in una stanza come la definisce Silvia Angelini, curatrice della mostra, che già nel 2001 ne aveva dato notizia in un suo articolo. In questa piccola scuola elementare dell’apartheid fu mandata ad insegnare la maestra Gabriella De Cori, un’insegnante ebrea, che in quanto tale era stata licenziata dalla scuola pubblica (insegnava nel comune di Santa Maria a Monte in provincia di Pisa) e che fu temporaneamente ripresa in servizio per questo insegnamento ai suoi correligionari.

Frequentarono la piccola scuola di Viareggio anche bambini provenienti dalle vicine città di Lucca e Carrara e alunni sfollati da Livorno e dalle più lontane città del nord come Torino, Milano, Genova. Tante le relazioni e le storie di vita connesse a questa esperienza, compresa quella delle famiglie ebree straniere internate a Castelnuovo di Garfagnana, di cui si documenta il tentativo, non andato a buon fine, di far sostenere ai propri bambini gli esami come privatisti alla scuola di Viareggio.

locandina Viareggio Anpi giorno della memoria

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.