Scuola di alta formazione per l’artigianato artistico, primi sì alla proposta Cna

Giannecchini: "Si formi un tavolo di lavoro"

Una scuola di alta formazione per l’artigianato artistico, primi sì alla proposta di Cna che ora chiede di formare un tavolo di lavoro.

L’assessora Bertonelli di Seravezza ed il sindaco Giovannetti di Pietrasanta con il loro placet all’iniziativa, ma anche gli interventi dei diversi artigiani, sono un primo punto di partenza per partire con la definizione di un possibile percorso che porti alla creazione di uno spazio formativo di alto livello per l’artigianato artistico nel territorio della Versilia storica.

“Con l’intervento dell’amministrazione di Pietrasanta e Seravezza ci sono i presupposti per aprire una fase di approfondimento e fattibilità del progetto – spiega Andrea Giannecchini, presidente provinciale Cna – e a questo punto manca solo di convocare un primo tavolo e iniziare a valutare seriamente la questione. Troviamo molto positiva la discussione pubblica che è nata, compresi gli interventi che hanno fatto importanti artigiani locali che sono spunti di riflessione preziosi. Per questo motivo riteniamo che sia necessario inizialmente un coinvolgimento degli stakeholders più ampio possibile, compresa anche la Regione Toscana con i propri rappresentanti locali. Anche noi siamo convinti che protagonisti debbano essere gli artigiani e che il progetto debba valorizzare il nostro patrimonio di imprese e artigianalità del territorio”.

Considerazione del territorio anche al centro delle osservazioni della vicepresidente provinciale Cna, Sabrina Mattei.

“La Cna è un’associazione di categoria fatta da artigiani – conferma Mattei – quindi riteniamo, come dice Giannecchini, che il coinvolgimento degli artigiani del nostro territorio, al tavolo di discussione, sia un elemento importantissimo, insieme alle istituzioni. Fondamentale inoltre che allo stesso tavolo si siedano fin da subito i rappresentanti del Liceo Artistico Stagi e dell’Isi Marconi”.

Due città, Pietrasanta e Seravezza, che hanno una vocazione e una tradizione di arte e artigianato di secoli e un centro di formazione sarebbe in grado anche di richiamare talenti da ogni parte del mondo per sviluppare le proprie capacità manuali e disposizioni artistiche.

“Come abbiamo detto – conclude Giannecchini – l’idea che abbiamo maturato sarebbe un unicum nazionale e diversa dalle precedenti esperienze.  Sia Cna Lucca, sia Artex sono disponibili da subito. Adesso è importante non perdere tempo e fare il primo passo nella direzione giusta per non perdere l’occasione”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.