Menu
RSS

Michelangelo in Versilia, Azzano celebra il grande maestro

20180524 la memoria del paesaggio cave Cappella e Altissimo 2Celebrare Michelangelo, e con lui tutti gli umili lavoratori – a partire da Bastiano D’Angiolo, cavatore azzanese tra i primi e più stretti collaboratori del Buonarroti in Versilia – che nell’arco di cinque secoli hanno servito la causa del lavoro nelle cave di marmo dell’Altissimo. È il senso dell’originale iniziativa culturale che prende il via domani (19 luglio), ad Azzano. Una mostra fotografico-documentaria e una piccola ma preziosa pubblicazione per ricordare la presenza di Michelangelo sulle montagne di Seravezza e “raccontare” l’evoluzione del lavoro nelle cave dell’Altissimo. Appuntamento alle 18 al ristorante Michelangelo, che nell’occasione festeggia i suoi primi quarant’anni.

L’iniziativa è promossa da Alessandro e Silvia Mazzucchelli del ristorante Michelangelo con la consulenza dello studioso ed esperto di storia locale Costantino Paolicchi e il sostegno della Fondazione Mite Giannetti D’Angiolo. La mostra è allestita nel giardino del ristorante, visitabile per tutta l’estate: dodici grandi pannelli con documenti, dipinti, foto e un testo esplicativo in italiano e inglese che documentano in sintesi la presenza del Buonarroti in Versilia e ripercorrono la storia delle cave di Trambiserra e della Cappella. Tra le rarità in mostra, la foto scattata il 22 maggio 1957 alle 10 sulla via di lizza dell’Altissimo, testimonianza dell’ultima storica lizzatura della Compagnia Lizzatori di Azzano.
In occasione dell’apertura della mostra verrà presentato l’opuscolo Un amore senza confini - breve storia di una famiglia e del suo lavoro in occasione del cinquecentenario di Michelangelo in Versilia e nel quarantesimo anniversario del ristorante a lui intitolato. Nella prima parte Costantino Paolicchi ricostruisce sinteticamente le vicende michelangiolesche in terra versiliese, mentre nell’ultima Alessandro Mazzucchelli propone alcuni personali ricordi di gioventù legati al paese di Azzano, ai monti circostanti, alle cave. Nella parte centrale dell’opuscolo una carrellata di immagini e uno scritto di Silvia Mazzucchelli sulla storia della famiglia e dell’antica attività di ristorazione da sempre al centro della vita paesana. Nella sua prefazione, don Danilo D’Angiolo sottolinea come l’evento sia idealmente dedicato a Bastiano d’Angiolo e a tutti i cavatori e lizzatori di Azzano: "Bastiano è senz’altro una gloria di Azzano e della Versilia tutta. È stato il cavatore che figura nel primo contratto del 15 Marzo 1518, stipulato da Michelangelo ai rogiti del notaio Giovanni Paolo Badessi, per la fornitura dei marmi destinati alla facciata di San Lorenzo. Il nome di Bastiano compare in altri contratti e Michelangelo lo menziona in alcuni “Ricordi”. Il paese di Azzano, anche come omaggio ideale a tutti i nostri cavatori, è bene che in occasione del cinquecentenario celebri e onori questo suo figlio".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter