Menu
RSS

Seravezza, Comune incontra le associazioni della consulta del volontariato

comuneseravezzaMercoledì 9 gennaio l’amministrazione comunale di Seravezza incontra le associazioni aderenti alla Consulta del volontariato. La riunione si terrà in Sala Cope, nel Palazzo civico di Querceta, con inizio alle ore 21. L’incontro prelude alla prossima fase di ricostituzione e di riorganizzazione della consulta dopo le recenti dimissioni del direttivo presieduto da Bruno Evangelisti. “Obbiettivo dell’incontro”, si legge nella lettera che il sindaco Riccardo Tarabella e il consigliere delegato all’associazionismo Francesca Bonin hanno inviato lo scorso 30 novembre alle associazioni del territorio iscritte all’albo della consulta comunale “è quello di creare i presupposti per la ripresa di una crescita della Consulta, organismo essenziale per il territorio, che non ha mancato nella sua passata attività di raggiungere importanti momenti di coesione e sinergia con il territorio e con l’amministrazione e che necessita adesso di nuove forze e nuova spinta per raggiungere gli obbiettivi che le associazioni tutte dichiareranno di voler raggiungere. Il ringraziamento per il Consiglio uscente è unanime. La forza che è mancata, in un momento difficile, non deve essere però motivo di dubbio o di minor fiducia in quello che tutti assieme potremo o potremmo ottenere”.

Si parte dunque dalla conferma, ribadita dall’amministrazione comunale, di voler proseguire e rilanciare l’esperienza della Consulta, credendo nelle potenzialità di questo strumento, organismo consultivo e luogo di partecipazione e di confronto tra l’amministrazione comunale e le organizzazioni di volontariato. Dopo l’incontro di informazione e di chiarimento del 9 gennaio prossimo si aprirà la fase delle assemblee che porterà alla definizione della nuova consulta e del suo direttivo. All’incontro possono prendere parte anche quelle associazioni che, pur attualmente non iscritte alla consulta, desiderano aderirvi.
"Il tempo non è un nemico bensì un alleato - commenta il sindaco Riccardo Tarabella - Permette di considerare gli obiettivi raggiunti, le cose fatte e quelle da fare, di mettere da parte l’emotività che ha contraddistinto l’ultima fase dei rapporti tra il direttivo della Consulta e l’amministrazione comunale e, infine, di confrontarsi serenamente e con raziocinio per rimettere in moto il progetto. Questa è la ragione per cui abbiamo lasciato trascorrere del tempo dopo le dimissioni del direttivo. Volevamo – e vogliamo – che la nuova Consulta nascesse libera da condizionamenti rispetto a ciò che è stato e rispetto a ogni dinamica di tipo politico. Purtroppo dobbiamo constatare che non tutti la pensano così e che qualcuno insiste nell’abitudine di muovere le acque inappropriatamente e senza alcuna evidente necessità, con il fine di creare il caso. Mi riferisco al consigliere di Idee in Comune Elena Luisi, uscita l’altro ieri sui giornali per denunciare ritardi e immobilismo da parte dell’amministrazione comunale. Eppure immagino che Luisi abbia da tempo saputo della riunione del 9 gennaio, convocata il 30 novembre scorso e riservata ai rappresentanti delle associazioni, pertanto a lei tecnicamente preclusa. Ha saputo, ma non ne ha tenuto conto, tacendo la circostanza ai lettori dei giornali, ai cittadini e agli stessi rappresentanti delle associazioni con i quali dialoga costantemente, nel tentativo di dimostrare che l’amministrazione non agisce e rivelando invece, ancora una volta, il suo intento di protagonismo mediatico, in totale contrasto con il metodo di lavoro della mia Amministrazione, che è tutt’altra cosa".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter