Menu
RSS

Viareggio, il sindaco 'coach': puntiamo alla Champions

delghingarookUsa una metafora calcistica il sindaco Giorgio Del Ghingaro per definire le prossime sfide che attendono l'amministrazione viareggina. E il mantra è puntare in alto: "Voglio la Champions", dice il primo cittadino. "Fare il sindaco è come fare l'allenatore della nazionale di quel comune - osserva -. Tutti ti insegnano, ti indirizzano, ti criticano, ti sollecitano. Metti questo, convoca quell'altro, fai uscire tizio, fai entrare caio. Meglio giocare a tre, a quattro, col tridente o a due punte. Insomma, ognuno fa il sindaco anche se non eletto e ognuno (giustamente) vuol dire la sua. Io penso che un allenatore, come un sindaco, abbia un'idea complessiva della sua squadra, delle condizioni del terreno di gioco e della sensibilità di coloro che pagano il biglietto e non si fa certamente né turbare, né intimorire, né soprattutto fermare, fa le sue scelte per il bene della ditta, che si chiama comunità".

"Ecco - aggiunge Del Ghingaro - a Viareggio c'è da partecipare ad un campionato difficilissimo, partendo addirittura con 200 milioni di penalizzazione, c'è da valutare con attenzione ogni partita, perché nessun avversario è semplice da battere (il dissesto, il degrado, l'insicurezza), c'è da evitare chi lavora da anni e anni per distruggere la città per i suoi miseri interessi personali, c'è da chiudere gli occhi davanti a chi la racconta solo ed esclusivamente per dileggiarla e prendersi gioco di lei e dei suoi cittadini, c'è da lasciar perdere chi mesta quotidianamente nel fango in maniera ossessiva compulsiva. A noi non rimane che lavorare a testa bassa e con grande determinazione, tirando fuori tutte le competenze e professionalità di cui siamo capaci, per contrastare la superficialità e il menefreghismo imperante. Dobbiamo preparare istituzionalmente ognuno al rispetto e al dovere. Questo deve fare un sindaco e un allenatore per fare bella figura in ogni competizione importante, sia che si lotti per la salvezza o per primeggiare".
"Io faccio questo - va avanti il sindaco -: lavoro e faccio lavorare la mia squadra, non ascolto i cretini che hanno rovinato la città, perseguo obiettivi chiari e vado dritto alla meta. Molto di voi mi sollecitano di rispondere al blablabla che ho intorno. Non l'ho mai fatto e non lo farò, non disperdo le mie energie ad occuparmi di chi ha interesse solo per il proprio ego o per il proprio portafoglio. Mi occupo solo di mettere a posto Viareggio, di ridarle speranza e bellezza, di farla ridiventare autorevole e attrattiva agli occhi del mondo. E se c'é gente che perde il suo tempo e la sua faccia a tentare di farmi smarrire la calma e la concentrazione, non ha davvero capito ancora con chi ha a che fare. Io vado avanti come un treno verso la prossima stazione e le chiacchiere o gli scritti di chi vorrebbe fermarlo quel treno, li lascio evaporare lungo il cammino, considerato dove hanno portato la città in questi anni. Forse non è ancora chiaro, non solo voglio salvare Viareggio, ma voglio anche farle vincere il prossimo campionato e puntare dritto alla Champions".

Ultima modifica ilGiovedì, 09 Marzo 2017 17:15

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter