Regionali, riammesse tutte le escluse. Sinistra Civica Ecologista: “Riparte l’impegno”

La lista di sinistra: "Grande scommessa politica, sfidiamo il centrismo della coalizione"

Ci saranno tutte le liste in prima battuta bocciate dall’ufficio centrale circoscrizionale del tribunale di Lucca in vista delle prossime elezioni regionali.

Sono infatti stati accolti i ricorsi di Svolta!, Patto per la Toscana – Roberto Salvini presidente, Orgoglio Toscana Giani presidente, Toscana Sinistra Civica Ecologista per il presunto numero insufficiente di firme e di Toscana civica per il cambiamento per la mancanza della sottoscrizione autentica di una candidata.

Esprimono soddisfazione i candidati di Sinistra Civica Ecologista che fin da subito erano stati ottimisti sul buon esito del controllo: “È una grande scommessa politica quella di Sinistra Civica Ecologista – si legge in una nota – la lista promossa da Articolo 1, 2020 a Sinistra, Comunità Civica Toscana e una parte di Sinistra Italiana che oggi è stata riammessa alla competizione delle prossime elezioni regionali della Toscana dopo un approfondimento ed una integrazione della modulistica che la collega alla consigliera uscente Serena Spinelli, consentendo una riduzione del numero di firme necessarie alla presentazione della lista. Riprende così a pieno regime l’impegno dei candidati nel collegio provinciale di Lucca, che sono: Andrea Sarti, Lorenza Bandelloni, Rosario Brillante, Anna Bastianelli, Fabrizio Manfredi e Daniela Grossi”:

“Hanno scelto di mettersi in gioco – spiega Sinistra Civica Ecologista – in quella che definiscono una alleanza competitiva: basata su una ‘scelta di responsabilità‘ contro la minaccia Ceccardi, ma anche sulla convinzione che i tempi sono maturi per una svolta a sinistra, per un mutamento “ineluttabile” che partirà da “potenziamento del pubblico e dai diritti della persona” l’obiettivo è apertamente non solo quello di fermare la destra, ma anche quello di spostare a sinistra la coalizione”.

“Noi abbiamo un compito difficile come accade spesso per chi è a sinistra oggi – spiegano i candidati – ma abbiamo il compito di portare nel governo della regione il nostro punto di vista, le istanze del nostro programma che sono il cambiamento ecologico dello sviluppo economico, il lavoro inteso sia come prevenzione che come centralità dei diritti, e la scuola. Poi la cultura e il turismo diffuso. Tutto questo deve essere fatto con punti di riferimento forti e attivi sul territorio. È il momento di unire le forze tra chi ha più esperienza politica, maggiore conoscenza delle problematiche amministrative e talvolta più fatiche e delusioni sulle spalle e chi si è accostato con l’entusiasmo e la passione delle giovani generazioni che hanno saputo riempire le piazze con una ritrovata voglia di essere cittadini attivi e consapevoli”

“La lista – si legge ancora –  vuole ‘sfidare’ il ‘centrismo’ della coalizione mettendo sul piatto della bilancia i voti conquistati, mettere Giani nelle condizioni di ascoltarli, portare in consiglio regionale i valori della sinistra, e sfruttare “l’ineluttabilità” del momento storico per una svolta. Siamo gente ostinata e coraggiosa, puntiamo a passare ampiamente lo sbarramento e portare i nostri valori in Regione. Siamo coraggiosi nel partire dai nostri valori senza avere la paura di farsi contaminare dagli altri. Se vogliamo che queste istanze siano portate in Toscana dateci fiducia e saremo l’asse forte e competente, l’asse coraggioso della coalizione di Giani. Il momento storico ci ha messo di fronte a percorsi ineluttabili, come quelli del potenziamento del sistema sanitario pubblico, della formazione o dell’uso dei fondi Ue: dobbiamo esserci anche noi”.

Per chi volesse contattare la lista o i singoli candidati, per organizzare incontri può farlo attraverso i social o scrivendo una email a collegioluccasinistracivicaeco@gmail.com o inviando un messaggio anche via Whatsapp al 3316677059

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.